La stagione GOG 2024/2025: 24 concerti al Teatro Carlo Felice, dal 14 ottobre
Stagione 2023/2024

Enrico Pieranunzi, Luca Bulgarelli, Mauro Beggio: "Improclassica"

4 dicembre 2023 ore 20:30 Teatro Carlo Felice Acquista i biglietti

INTERPRETI

  • Enrico Pieranunzi pianoforte
  • Luca Bulgarelli contrabbasso
  • Mauro Beggio batteria

PROGRAMMA

  • Improclassica
    Musiche di Bach, Schumann, Fauré, Debussy, Satie

La GOG ringrazia Coeclerici per il sostegno.

IL DIRETTORE ARTISTICO PIETRO BORGONOVO INTRODUCE "IMPROCLASSICA", IL CONCERTO DEL TRIO DI ENRICO PIERANUNZI

Lunedì 4 dicembre il Direttore Artistico Pietro Borgonovo presenterà e introdurrà il concerto del trio di Enrico Pieranunzi alle 19:30, nella Sala Paganini del Teatro Carlo Felice.

DONA ORA

Sostieni con noi l’iniziativa Musica per il futuro, per diffondere la cultura musicale tra i bambini e i ragazzi
Fai ora la tua donazione.

Scegli la tua musica: destina il tuo 5x1000 alla GOG.
Codice fiscale 80007850102

Terminato
Video

“Pieranunzi è un pianista di intenso lirismo, in grado di swingare con energia e freschezza e, nello stesso tempo, di non perdere mai la sua capacità poetica. La sua musica canta”. 
(Nat Hentoff, 1990)

“Enrico Pieranunzi immette nuova linfa nel jazz contemporaneo”
(Ray Spencer, Jazz Journal International, 1992)

Nato a Roma nel 1949, pianista, compositore, arrangiatore, Enrico Pieranunzi ha registrato più di 70 CD a suo nome spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto e collaborando, in concerto o in studio d’incisione, con Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron.
Pluripremiato come miglior musicista italiano nel “Top Jazz”, annualmente indetto dalla rivista “Musica Jazz” (1989, 2003, 2008) e come miglior musicista europeo (Django d'Or, 1997) Enrico Pieranunzi ha portato la sua musica sui palcoscenici di tutto il mondo.
Enrico Pieranunzi è l’unico musicista italiano di sempre ed uno dei pochissimi europei ad aver suonato e registrato più volte nello storico “Village Vanguard” di New York con Marc Johnson and Paul Motian (Camjazz, 2010). Proprio per il “Live at The Village Vanguard” con Marc Johnson e Paul Motian (Camjazz, 2010) gli è stato assegnato nel 2014 l'Echo Jazz Award - equivalente tedesco dello statunitense Grammy - come Best International Piano Player.
Enrico Pieranunzi ha composto diverse centinaia di brani, alcuni dei quali sono ormai veri e propri standard suonati e incisi da musicisti di tutto il mondo (“Night bird”, “Don’t forget the poet”, “Fellini’s waltz”).

Luca Bulgarelli ha studiato basso elettrico e contrabbasso. Ha vinto una borsa di studio alla prestigiosa Università di Siena Jazz nel 1992 e si è laureato in Contrabbasso presso il Conservatorio di Campobasso nel 1997.
Ha suonato in moltissimi e fra i più importanti Festival Jazz nel mondo.
Luca Bulgarelli ha collaborato in studio e dal vivo con numerosiartisti registrando oltre 70 album: fra loro, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Paolo Fresu, Rita Marcotulli, Danilo Rea, Stefano Bollani, Fabrizio Bosso. Anche nel mondo della musica pop le collaborazioni sono svariate e includono Mimmo Locasciulli, Francesco De Gregori, Beppe Servillo, Paola Turci, Daniele Silvestri, Joe Barbieri, Gino Paoli e Sergio Cammariere.
Come sound designer Luca Bulgarelli ha mixato e masterizzato numerosi lavori discografici per diverse etichette.
Attualmente è docente di musica d’insieme e di contrabbasso presso il Saint Louis College of Music.

Nel 1986, durante il seminario "Siena Jazz", Mauro Beggio è stato notato da Enrico Rava con il quale ha iniziato la carriera professionistica nel 1987. Nello stesso anno con l’Enrico Rava Quartet ha registrato il suo primo disco dal titolo “Animals”.
Dall’inizio della sua carriera ha avuto modo di alternarsi tra formazioni precostituite, quali Enrico Rava Quartet, Enrico Pieranunzi Trio, Quartetto di Claudio Fasoli, Gibellini-Tavolazzi-Beggio Trio, Lydian Sound Orchestra, Antonio Faraò Quartet, Roberto Olzer Trio, e un intensa attività di freelancer suonando con musicisti italiani e stranieri come Johnny Griffin, Toots Thielemans, Lee Konitz, Palle Danielsson, Franco Ambrosetti, Paul Bley, Franco D’Andrea, Guido Manusardi, Stefano Bollani e molti altri.
Mauro Beggio ha insegnato nei Conservatori di Vicenza, Padova, Mantova, Trieste, Rovigo e nei corsi di alta formazione della Siena Jazz University.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK