Largo ai giovani: facciamoli suonare! Sostieni i nostri giovani talenti in concerto al Teatro Akropolis
Stagione 2023/2024

Giuseppe Albanese

22 aprile 2024 ore 20:30 Teatro Carlo Felice Acquista i biglietti

INTERPRETI

  • Giuseppe Albanese pianoforte

PROGRAMMA

  • Ferruccio Busoni
    Taccuino indiano
  • Leoš Janáček
    Nella nebbia
  • Arnold Schönberg
    Sechs kleine Klavierstücke op. 19
  • Charles Ives
    Sonata n. 2 "Concord"

GIULIO ODERO INTRODUCE IL CONCERTO DI GIUSEPPE ALBANESE

Lunedì 22 aprile Giulio Odero presenterà e introdurrà il concerto di Giuseppe Albanese alle 19:30, nella Sala Paganini del Teatro Carlo Felice.

Dopo gli studi classici, Giulio Odero si è diplomato in chitarra a pieni voti. Ha insegnato lo strumento nelle scuole medie a indirizzo musicale per poi ricoprire il ruolo di responsabile dell'Archivio Musicale presso il Teatro Carlo Felice di Genova. Ha collaborato con la Radio della Svizzera Italiana e ha pubblicato una monografia sui quartetti d'archi di Giovanni Bottesini.

LARGO AI GIOVANI: FACCIAMOLI SUONARE!

Sostieni con noi l’iniziativa Largo ai giovani: con la tua donazione parteciperai alla realizzazione dei quattro concerti che vedranno protagonisti, nel mese di marzo 2024, al Teatro Akropolis, 21 giovani musicisti di talento.

Dona ora: facciamoli suonare!

Video

Tra i più richiesti pianisti della sua generazione, Giuseppe Albanese ha debuttato nel 2014 su etichetta Deutsche Grammophon con un concept album dal titolo "Fantasia", con musiche di Beethoven, Schubert e Schumann. Ha fatto seguito nel 2015 il suo secondo album DG "Après une lecture de Liszt", interamente dedicato al compositore ungherese.
Del 2018 è la pubblicazione dei Concerti n.1 e n. 2 e "Malédiction" di Liszt per Universal Music.
A gennaio 2020 è uscito il suo terzo CD per Deutsche Grammophon: "Invitation to the dance", dedicato al balletto e contenente musiche di Weber, Delibes, Čajkovskij, Stravinsky, Debussy e Ravel.
Già "Premio Venezia" 1997, assegnato all'unanimità da una giuria presieduta da Roman Vlad, e Premio speciale per la miglior esecuzione dell’opera contemporanea al "Busoni" di Bolzano, Giuseppe Albanese ha vinto nel 2003 il primo premio al "Vendome Prize" - presidente di giuria Sir Jeffrey Tate, con finali a Londra e Lisbona: un evento definito da Le Figaro "il concorso più prestigioso del mondo attuale".
In Italia Giuseppe Albanese ha suonato per tutte le più importanti stagioni concertistiche, incluse quelle dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia e della RAI di Torino, e in tutti i più importanti teatri. Negli ultimi tempi si è distinto per essere stato invitato a suonare in ben dodici delle tredici Fondazioni Liriche italiane: il Teatro Petruzzelli di Bari, il Comunale di Bologna, il Teatro Lirico di Cagliari, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro San Carlo di Napoli, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro dell’Opera di Roma, il Verdi di Trieste, La Fenice di Venezia, l’Arena di Verona, il Regio di Torino.
Giuseppe Albanese è laureato in Filosofia col massimo dei voti e la lode con dignità di stampa della tesi sull'Estetica di Liszt nelle "Années de Pèlerinage". A soli 25 anni è stato docente a contratto di "Metodologia della comunicazione musicale" presso l'Università di Messina. Attualmente Giuseppe Albanese è docente di Pianoforte al Conservatorio "B. Maderna" di Cesena.

  • Vedi la bio di Giuseppe Albanese
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK